Dal 2026 i Mondiali di calcio saranno a 48 squadre

Naviga: NEWS / SPORT

La rivoluzione è compiuta: dal 2026 la fase finale della Coppa del Mondo di calcio vedrà al via ben 48 nazionali. Gianni Infantino ha ottenuto all´unanimità il via libera del Consiglio Fifa per quello che era uno dei suoi cavalli di battaglia in campagna elettorale.

Un anno fa, di questi tempi, l´allora segretario generale della Uefa puntava a raccogliere l´eredità di Blatter e ipotizzava un allargemento del Mondiale da 32 a 40 squadre. Progetto che è andato oltre e che debutterà fra 9 anni, probabilmente in Nord America visto che Stati Uniti e Canada, magari col coinvolgimento del Messico, sono in prima fila per ottenere l´organizzazione del torneo.


Dalla prima Coppa Rimet giocata in Uruguay nel 1930 con 13 squadre per un totale di 17 partite si passa così a un Mondiale a 48 per 80 gare, in un progressivo aumento che ha visto l´edizione del 1934 con 16 partecipanti, altre 8 a partire dal 1982 fino al format a 32 squadre adottato dal ´98 e che si esaurirà in Qatar nel 2022. Cambierà ovviamente la formula: 16 gruppi da tre con le prime due classificate a passare il turno e da lì subito fase a eliminazione diretta. Bocciata l´idea iniziale di far giocare un play-off fra 32 squadre con le vincenti inserite in 8 gruppi da quattro con altre 16 nazionali direttamente ammesse alla seconda fase.

"La buona notizia è che questo format si può giocare nello stesso numero di giorni, che una squadra al massimo giocherà 7 partite, come succedeva prima, e che serviranno 12 stadi, come in passato. Ma ci saranno 16 Paesi in più, Paesi che non avevano mai sognato di partecipare al Mondiale e che adesso possono sognare di farlo", rivendica con orgoglio Infantino.


Sui posti che spetteranno a ciascuna Confederazione o novità come i rigori già nella fase a gironi per decidere le partite in parità se ne riparlerà in un secondo momento, magari qualche anno prima del Mondiale ma resta il fatto che "questo è un format che porta benefici senza svantaggi", ha aggiunto il numero uno della Fifa. Federazioni a parte, in molti si sono espressi a favore della riforma voluta da Infantino, da Maradona a Mourinho, passando per Eto´o, tutti conquistati dall´idea di vedere in un Mondiale nazioni che non hanno mai avuto la possibilità di calcare un simile palcoscenico. Basti pensare all´Africa, dove 41 delle 54 Federazioni non sono mai arrivate alla fase finale di una Coppa del Mondo.


Ma non manca chi storce il naso. C´è chi teme, vedi la Federcalcio tedesca compreso il ct Loew, un abbassamento della qualità. "Il Mondiale rischia di perdere il suo fascino", l´allarme lanciato da Berlino. "La qualità sta crescendo ed è molto più alta che in passato: all´ultimo Mondiale due potenze calcistiche come Italia e Inghilterra sono state eliminate dal Costa Rica, una buona squadra ma non l´Argentina o il Brasile", ha osservato ancora Infantino, con la risposta pronta anche per chi punta il dito sui possibili ´biscotti´ nella terza gara dei gironi: "Ogni partita sarà decisiva e ogni squadra cercherà di vincere le proprie partite per affrontare nei sedicesimi un avversario potenzialmente più debole".

I club, capeggiati da Rummenigge, sono invece preoccupati dal fatto che, pur nello stesso arco di tempo di 32 giorni, si giocheranno 80 partite anzichè 64 con ulteriori rischi per la salute dei calciatori. "Una decisione presa più per ragioni politiche che sportive", ha rincarato la dose oggi l´Eca, l´Associazione dei club europei, in una nota. "Ci sono alcune voci critiche ma preferisco concentrarmi sui pareri positivi - fa spallucce il presidente della Fifa - Quando prendi delle decisioni, non tutti sono soddisfatti ma in questo caso sono molti a esserne felici, giocatori, allenatori, club. Dobbiamo guardare al futuro e il futuro è un calcio sempre più globale, il calcio non è solo Europa e Sudamerica e un Mondiale allargato aiuterà a far crescere il calcio, è una cosa positiva. Se non si prende una decisione perchè non sono tutti d´accordo, allora non si deciderà più nulla".


Data pubblicazione : 11/01/2017     Autore : ItalPress     Video visto:


ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER
DI VIRALVIDEOWEB.COM